Credito

Il servizio credito e finanza di API Torino fornisce consulenza nella gestione del credito, del rapporto banca-impresa e nella richiesta di finanziamenti agevolati. API Torino stipula accordi con le più importanti e significative banche presenti sul territorio oltre che con istituti di leasing e di factoring. In tema di finanza agevolata, vengono utilizzati gli strumenti offerti dalla normativa - provinciale, regionale, nazionale e comunitaria -, con l’obiettivo di sostenere gli investimenti delle piccole e medie imprese.
Per informazioni - credifin@apito.it -Tel 011.4513.203
ULTIMI AGGIORNAMENTI

28 agosto

SIMEST

Gli ultimi aggiornamenti

 

Fermo restando le novità del 7 luglio a questa si aggiungono le seguenti ulteriori modifiche normative.

 

Dal 6 agosto gli strumenti agevolati si arricchiscono di nuove modifiche che amplieranno le opportunità a disposizione delle imprese italiane, consentendo l’accesso ad un maggior numero di imprese e potenziando ulteriormente i benefici derivanti dai finanziamenti agevolati.

A breve si potrà infatti presentare domande di finanziamento per progetti nei paesi dell’Unione Europea e beneficiare delle novità previste per ogni strumento:

Patrimonializzazione

  • Accesso allo strumento anche per le MidCap

  • Riduzione del parametro del fatturato export come requisito di accesso: 20% nell’ultimo biennio o 35% nell’ultimo anno

  • Maggiore accessibilità attraverso l’aumento del livello di solidità patrimoniale massimo per l’accesso allo strumento: 2,00 per società industriali e 4,00 per le società commerciali

  • Richiesta di garanzie modulate in funzione dello scoring per tutti i richiedenti*

*ferma restando la possibilità di richiedere l’esenzione dalle garanzie fino al 31 dicembre 2020, in ottemperanza a quanto previsto dal DL Rilancio

 

Inserimento sui mercati esteri

  • Ampliamento delle strutture finanziabili con il magazzino

  • Finanziabilità di più uffici e centri assistenza post vendita (fino a 3 per ciascuna tipologia)

  • Ammissibilità delle certificazioni internazionali di prodotto tra le spese finanziabili

 

E-commerce

  • Finanziabilità di tutti i domini senza limitazioni di paese (inclusi .com, .net, .eu, .it, ecc.)

  • Ammissibilità tra le spese finanziabili dei costi per l’affitto di un magazzino e delle certificazioni internazionali di prodotto

 

Fiere e mostre

  • Accesso allo strumento per tutte le imprese indipendentemente dalla dimensione

  • Finanziabilità delle fiere di carattere internazionale in Italia (riconosciute dall’AEFI) e degli eventi virtuali

 

Temporary Export Manager

  • Ammissibilità al finanziamento di ulteriori figure temporanee destinate allo sviluppo internazionale dell’impresa (es. Digital Marketing Manager)

  • Rimodulazione dei requisiti di accesso della società di servizi e ampliamento anche a società estere

27 agosto

DL “Agosto” 14/8/2020 n. 104 modifiche alla moratoria delle scadenze bancarie

  

Con l’articolo 65 vengono prorogati i termini della moratoria prevista dall’art 56 del DL 17/3/2020 n° 18 e sua conversione.

Pertanto la scadenza prevista al 30/9/2020 viene prorogata automaticamente (senza necessità di richiesta da parte dell’impresa) al 31/1/2021.

 

Qui di seguito riepiloghiamo cosa prevede adesso tale articolo

  1. per le aperture di credito a revoca e per i prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti esistenti alla data del 29 febbraio 2020 o, se superiori, a quella di pubblicazione del presente decreto, gli importi accordati, sia per la parte utilizzata sia per quella non ancora utilizzata, non possono essere revocati in tutto o in parte fino al 31 gennaio 2021

  2. per i prestiti non rateali con scadenza contrattuale prima del 31 gennaio 2021 i contratti sono prorogati, unitamente ai rispettivi elementi accessori e senza alcuna formalità, fino al 31 gennaio 2021 alle medesime condizioni; 

  3. per i mutui e gli altri finanziamenti a rimborso rateale, anche perfezionati tramite il rilascio di cambiali agrarie, il pagamento delle rate o dei canoni di leasing in scadenza prima del 31 gennaio 2021 è sospeso sino al 31 gennaio 2021 e il piano di rimborso delle rate o dei canoni oggetto di sospensione è dilazionato, unitamente agli elementi accessori e senza alcuna formalità, secondo modalità che assicurino l’assenza di nuovi o maggiori oneri per entrambe le parti; è facoltà delle imprese richiedere di sospendere soltanto i rimborsi in conto capitale. 

 

Le imprese che alla data di entrata in vigore del decreto, presentino esposizioni che non siano ancora state ammesse alle misure di sostegno, possono essere ammesse entro il 31/12/2020

7 luglio

Simest

Aggiornamenti sui finanziamenti

 

Simest il 15 giugno 2020 (in ottemperanza a quanto previsto dal decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, articolo 48, comma 2, lettera b)), ha deliberato i seguenti nuovi limiti massimi dei finanziamenti in oggetto, in deroga alla vigente disciplina relativa al Fondo 394/81

*dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati

**del patrimonio netto dell’impresa risultante dall’ultimo bilancio approvato e depositato

***dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato e depositato

 

Tale disposizione si applica alle domande di finanziamento presentate dal 16 giugno 2020 al 31 dicembre 2021.

 

Per chi volesse vedere cosa possono finanziare può vedere i seguenti link:

1 luglio

Voucher SPRINT, pubblicate le graduatorie

Per sostenere le imprese negli investimenti informatici e digitali

 

Con Determinazione nr. 253/B-PT del 29/06/2020 sono stati approvati gli elenchi delle imprese ammissibili e non ammissibili al voucher SPRINT, relativamente alle prime 550 domande inviate dalle ore 12:00:00 alle ore 12:19:12 del 20 maggio 2020. 

 

Tutte le pratiche inviate dalle ore 12:19:13 del 20/05/2020 rimangono pertanto al momento in lista di attesa ai sensi dell’art. 9 del bando.

 

Per leggere le graduatorie clicca QUI. 

30 giugno

Digital Transformation

Contributi per le imprese

 

L’intervento ha l’obiettivo di sostenere la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle micro, piccole e medie imprese attraverso la realizzazione di progetti diretti alla diffusione delle tecnologie abilitanti individuate nel Piano Nazionale Impresa 4.0.

 

Il Decreto direttoriale 9 giugno 2020 disciplina l’intervento di agevolazione per la Digital Transformation istituito all’articolo 29, commi da 5 a 8, del Decreto crescita, finalizzato a sostenere la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle micro, piccole e medie imprese attraverso la realizzazione di progetti diretti alla diffusione delle tecnologie abilitanti individuate nel Piano Nazionale Impresa 4.0 nonché di altre tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera.

A chi si rivolge

Possono beneficiare delle agevolazioni le PMI che effettuano progetti diretti alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi dei soggetti proponenti mediante l’applicazione di:

  1. tecnologie abilitanti individuate dal Piano nazionale impresa 4.0. (advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data e analytics) e/o;

  2. tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera, finalizzate:

  1. all’ottimizzazione della gestione della catena di distribuzione e della gestione delle relazioni con i diversi attori;

  2. al software;

  3. alle piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio;

  4. ad altre tecnologie, quali sistemi di e-commerce, sistemi di pagamento mobile e via internet, fintech, sistemi elettronici per lo scambio di dati (electronic data interchange-EDI), geolocalizzazione, tecnologie per l’in-store customer experience, system integration applicata all’automazione dei processi, blockchain, intelligenza artificiale, internet of things.

  1. A tal fine i progetti devono prevedere la realizzazione di:

    1. attività di innovazione di processo o di innovazione dell’organizzazione, ovvero;

    2. investimenti.

I progetti di spesa devono, prevedere un importo di spesa non inferiore a euro 50.000,00 e non superiore a 500.000,00

Le agevolazioni sono concesse sulla base di una percentuale nominale dei costi e delle spese ammissibili pari al 50%, articolata come segue:

  1. 10% sotto forma di contributo;

  2. 40% come finanziamento agevolato.

 

Per maggiori informazioni scaricare la scheda riepilogativa

22 giugno

Novità per SIMEST dal Decreto Rilancio

 

Il Decreto Rilancio prevede importanti migliorie a valere sui finanziamenti Simest tra cui una quota a fondo perduto del 40%.

Prima di tutto il provvedimento (art.48) amplia la portata delle novità sui finanziamenti gestiti da Simest a valere sul fondo 394/81.

Sono 7 gli strumenti con cui viene sostenuto il processo di internazionalizzazione.

Con i Finanziamenti per l’internazionalizzazione SIMEST puoi coprire le spese per:

 

La principale novità è che i finanziamenti agevolati sono:

  • esentati dalla prestazione della garanzia, a partire da quelli deliberati dal Comitato Agevolazioni del 26 marzo 2020 e sino al 31 dicembre 2020;

  • assistiti da un contributo a fondo perduto pari al 40% dell'importo, con un massimo concedibile di € 100.000, erogato in de minimis, per le domande inviate dal 16 giugno 2020.

 

Altre modifiche sono previste ma non ancora operative, in attesa di futuri provvedimenti, e nel particolare:

  • saranno raddoppiati gli importi massimi richiedibili. Ad esempio per la linea patrimonializzazione si passerà da € 400.000 a € 800.000;

  • i contributi concessi alle imprese non saranno in regime de minimis, ma sul quadro temporaneo di aiuto di Stato messo a disposizione dalla Commissione Europea;

  • riduzione di alcuni parametri per beneficiare della misura patrimonializzazione, che diventa quindi aperta ad una più grande platea di pmi;

  • supporto a operazioni all'interno dell'Unione Europea.  

 

Con l’operatività delle altre modifiche, saranno dati ulteriori dettagli necessari.

17 giugno

Voucher SPRINT, proroga dei termini di rendicontazione
Per sostenere le imprese negli investimenti informatici e digitali

Importanti novità per il il bando SPRINT (Sostegno Progetti Ripartenza Imprese & Nuove Tecnologie) 2020.

 

Chiusura anticipata del bando

In considerazione dell'elevato numero di domande pervenute e conseguente esaurimento della disponibilità di fondi, pari a € 1.000.000, la Camera di commercio (con Determinazione Presidenziale nr. 38 del 27/05/2020) ha disposto la chiusura anticipata del Bando al 01/06/2020 (h. 17).

 

Proroga dei termini per le rendicontazioni

Sempre la Camera di commercio di Torino (con Determinazione Presidenziale nr. 44 del 16/06/2020), ha stabilito la proroga dei seguenti termini, previsti dal bando;

  • Ammissibilità spese: prorogato dal 22/06/2020 al 15/07/2020

  • Invio rendicontazione: prorogato dal 30/06/2002 al 30/07/2020

 

Con SPINT 2020 la Camera di commercio di Torino intende sostenere le MPMI del territorio nell’affrontare – tramite l’adozione di strumenti informatici e tecnologie digitali - la situazione di crisi causata dall’emergenza COVID-19, in particolare favorendo la continuità delle attività nel periodo di lockdown e la ripresa delle stesse nel periodo successivo.

Le agevolazioni saranno accordate sotto forma di voucher a fondo perduto, a copertura del 50% delle spese sostenute e ritenute ammissibili, con un importo massimo del voucher pari a Euro 3.000,00.

Per leggere il bando clicca QUI
Per leggere la scheda illustrativa clicca QUI

9 giugno

DL Liquidità, le novità  dalla conversione 

Dagli artt. 1 e 13 le novità per le garanzie SACE, Fondo centrale di garanzia 

 

Nella conversione in legge del decreto liquidità sono state introdotte alcune novità di particolare interesse, sia per la garanzia prestata da SACE che per quella prestata dal fondo Centrale di Garanzia. 

 

In particolare, sono state modificate le durate massime dei finanziamenti ed i limiti massimi di accessibilità. 

Inoltre, è stato introdotto il meccanismo dell’autocertificazione che dovrebbe, e sottolineo dovrebbe ridurre i tempi di istruttoria delle banche. 

Per le rinegoziazioni dei finanziamenti in essere deliberati dal soggetto finanziatore in data successiva alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, prevede l’obbligo di incrementare in misura pari ad almeno il 25 per cento dell'importo del debito accordato in essere del finanziamento oggetto di rinegoziazione al fine di poter accedere alla garanzia pubblica dell’80% 

Con la conversione in legge del decreto sono state introdotte anche norme che definiscono la sospensione temporanea delle segnalazioni a sofferenza alla Centrale dei rischi e ai sistemi di informazioni creditizie.  

Di fatto fino al 30 settembre 2020, le segnalazioni a sofferenza effettuate dagli intermediari alla Centrale dei rischi della Banca d'Italia, riguardanti le imprese beneficiarie delle misure di sostegno finanziario di cui all'articolo 56, comma 2, del decreto-legge 17 marzo 2020, (sospensione del pagamento delle rate), sono sospese a decorrere dalla data dalla quale tali misure sono state concesse.  

 

Per il riepilogo della situazione clicca QUI

28 maggio

Contributi per l'attivazione di operazioni finanziarie connesse ad esigenze di liquidità

 

Da 10 giugno prossimo è possibile effettuare le richieste per usufruire dell’agevolazione finalizzata a sostenere MPMI e lavoratori autonomi piemontesi nell’attivazione di operazioni finanziarie connesse ad esigenze di liquidità.

 

E’ prevista infatti l'apertura dello sportello per l'invio delle domande alle ore 9 del 10 giugno 2020.

 

Possono usufruire del sostegno le micro, piccole e medie imprese e lavoratori autonomi, che dimostrino un calo di fatturato nel bimestre marzo/aprile 2020, pari o superiore al 30% rispetto allo stesso bimestre del 2019. Per le imprese avviate dopo il 1 gennaio 2019 il dato è automaticamente desunto.

 

Sono comprese in questa misure le operazioni finanziarie concesse dal 17 marzo 2020 e fino al 31 dicembre 2020, a fronte di esigenze di liquidità connesse all’attività economica di riferimento, di importo massimo di 150.000 euro.

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto a copertura degli oneri connessi al credito, nel limite del 5% del finanziamento concesso.

Per saperne di più clicca QUI.

26 maggio

Contributo a fondo perduto per l’attuazione di misure anti-contagio (art 95 DL 34 del 19/5/2020)

Revocato invece il bando ISI INAIL

 

Il Decreto Rilancio (all’articolo 95), stabilisce un contributo a fondo perduto per l’attuazione di misure anti Covid-19. Conseguentemente a questo provvedimento, quindi, il bando ISI INAIL 2019 già pubblicato che doveva essere aperto, prima nel mese di aprile 2020 e poi successivamente dopo il mese di maggio, è stato revocato.

 

Questa nuova misura nasce con l’obiettivo di favorire l’attuazione delle disposizioni indicate dal Protocollo di regolamentazione delle misure per il contenimento e il contrasto della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro del 14.3.2020, come integrato il 24.4.2020, che precisa come l’INAIL debba promuovere interventi straordinari destinati alle imprese che, successivamente alla data di entrata in vigore del DL 18/2020 (conv. L. 27/2020), abbiano adottato misure per la riduzione del rischio di contagio.

 

Soggetti beneficiari

L’intervento spetta:

• alle imprese, anche individuali, iscritte al registro delle imprese o all’Albo delle imprese artigiane;

• alle imprese agricole iscritte nella sezione speciale del registro delle imprese;

• alle imprese agrituristiche;

• alle imprese sociali (DLgs. 112/2017) iscritte al registro delle imprese.

 

Misura e modalità di accesso al contributo

Il contributo massimo concedibile varia in base al numero dei dipendenti dell’impresa, ed è pari a:

• 15.000,00 euro, fino a 9 dipendenti;

• 50.000,00 euro, da 10 a 50 dipendenti;

• 100.000,00 euro, con più di 50 dipendenti.

 

L’assegnazione del contributo avverrà con procedura automatica ai sensi dall’art. 4 del DLgs. 123/98, in ragione della quale il contributo stesso dovrebbe essere concesso successivamente alla presentazione di apposita domanda e secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse.

 

Tale nuovo bando sarà gestito da Invitalia, che darà le successive indicazioni per l’inoltro della domanda.

 

25 maggio

Natura delle garanzie dello Stato da parte di Sace e Fondo di Garanzia PMI  

Con il Decreto legge del 8 aprile 2020 n. 23 sono state previste forme di garanzie a sostegno dei  finanziamenti bancari necessari ad assicurare la liquidità alle imprese con sede in Italia per fronteggiare le conseguenze  economiche conseguenti al lockdown disposto dal Governo per fare fronte all’emergenza Covid-19.

In particolare agli articoli 1 e 13 del provvedimento sono previste due forme di garanzia differenti: 

  1. la prima prevista all’art. 13, che sostituisce il contenuto dell’articolo 49 del decreto Cura Italia, è riconosciuta per i finanziamenti concessi dal sistema bancario per tutto il 2020 alle imprese fino a 499 dipendenti (piccole e medie imprese) e alle persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni; 

  2. la seconda prevista dall’art. 1, prevede l’erogazione di garanzie da parte di Sace S.p.A.  fino 200 miliardi di euro, di cui almeno 30 destinati alle PMI, inclusi i lavoratori autonomi e i liberi professionisti titolari di partita IVA, che abbiano pienamente utilizzato la loro capacità di accesso al Fondo di garanzia PMI. 

Le due forme di garanzia sono accomunate da alcuni elementi quali l’essere a prima richiesta, ossia non accessorie al contratto di finanziamento. Ciò comporta che il garante non può fare valere le eccezioni nascenti dal rapporto sottostante nei confronti della banca al fine di evitare il pagamento dovuto (e quindi non può tendenzialmente rifiutare il pagamento del debito contratto dal garantito con diritto di rivalsa). Questo elemento si desume dall’art. 1 lettera f) per quanto riguarda la garanzia di Sace e l’art 13, comma 1 lettera c) dove si menziona la fattispecie di garanzia diretta tipica delle norme relative all’istituzione del Fondo di garanzia per le PMI 


Le due garanzie sono, altresì esplicite, irrevocabili, e prestate a fronte di impegni da parte del percettore che il finanziamento garantito sia destinato a sostenere costi legati al lockdown da Covid 19. 
 

Sulla base di queste prime considerazioni si rileva che il rapporto fra banca e finanziato sia un rapporto non assistito da privilegio (salvo che la Banca non chieda garanzie personali o reali sulla parte del credito non coperta da garanzia pubblica) e tale carattere permane fino a che non ci sia un eventuale mancato pagamento delle rate previste dal piano di ammortamento. 
 

A seguito del mancato pagamento del finanziamento si attiverà la garanzia di Sace e del Fondo di Garanzia  PMI  i quali risponderanno in sostituzione del debitore originario.  In specie per quanto riguarda la garanzia erogata dal Fondo di Garanzia PMI gli istituti aventi la convenzione con il Ministero dello Sviluppo Economico sono la Banca del Mezzogiorno (BDM) e il Mediocredito Centrale (MCC), i quali erogheranno la somma dovuta alla banca, acquisendo, per conto del fondo, il diritto di rivalersi sull’impresa inadempiente.
 

Con la richiesta di pagamento, e sulla base della normativa di riferimento, quanto verrà pagato dal garante sarà assistito dal privilegio generale di cui agli articoli 1 e 9 comma 5 del D.Lgs n. 123/98 e dell’art. 8 bis DL n. 3/2015, convertito nella l. n. 33/2015: in sostanza il credito da chirografario diventa privilegiato.
 

Dalla normativa in commento si rileva che “il diritto alla restituzione, nei confronti del beneficiario finale e dei terzi prestatori di garanzie, delle somme liquidate a titolo di perdite dal Fondo di garanzia di cui all’articolo 2, comma 100, lettera a), della legge 23 dicembre 1996, n. 662, costituisce credito privilegiato e prevale su ogni altro diritto di prelazione, da qualsiasi causa derivante, ad eccezione del privilegio per spese di giustizia e di quelli previsti dall’articolo 2751 bis del codice civile, fatti salvi i precedenti diritti di prelazione spettanti a terzi. La costituzione e l’efficacia del privilegio non sono subordinate al consenso delle parti.”. E tale natura privilegiata del credito è costantemente affermata dalla giurisprudenza di merito che si è occupata della questione, la quale ha individuato nel D.Lgs n. 123/1998 la disciplina di riferimento per la garanzia concessa dal Fondo di Garanzia PMI.
Detta conversione da credito chirografario e credito privilegiato ex lege troverebbe applicazione anche ai finanziamenti garantiti da SACE. 
I primi effetti di questa qualificazione rilevano in caso di fallimento e/o concordato preventivo, di un accordo di ristrutturazione dei debiti o di un piano di risanamento attestato. In tutti questi casi, infatti, la presenza di crediti privilegiati potrebbe decisamente ridurre il soddisfacimento dei creditori chirografari ulteriori. 

22 maggio

Rafforzamento patrimoniale delle imprese, cosa dice il Decreto Rilancio

 

Il Decreto Rilancio predispone incentivi per favorire la ricapitalizzazione di imprese, con fatturato compreso tra i 5 e i 50 milioni di euro.

 

In particolare, il provvedimento per sostenere la ricapitalizzazione delle imprese e contribuire ad assorbire le perdite causate dalla pandemia, prevede due misure di rafforzamento patrimoniale delle aziende (sia di medie dimensioni, sia più grandi).

 

Per le prime si interviene con un credito d’imposta e un sostegno di Invitalia, mentre per le seconde scende in campo CDP, con un intervento che mira anche a tutelare gli asset strategici.

 

Per maggiori informazioni clicca QUI.

21 maggio

Impresa SIcura, pubblicate le graduatorie
 

Sono state pubblicate le graduatorie riferite alla prenotazione dei fondi per il contributo a fondo perduto dedicato all’acquisto di DPI. Le aziende ammesse potranno presentare la domanda di erogazione del contributo a partire dal 26/5/2020

 

Le graduatorie sono consultabili cliccando QUI

20 maggio

Contributo a fondo perduto, cosa dice il Decreto Rilancio

 

Il Decreto rilancio (all’articolo 25), prevede un contributo a fondo perduto per sostenere i soggetti colpiti dall'emergenza epidemiologica "Covid-19".

 

La concessione di contributi a fondo perduto è posta in relazione alla perdita di fatturato del mese di aprile 2020 rispetto al fatturato del mese di aprile 2019.

 

L'ammontare del contributo a fondo perduto è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.

 

Per maggiori dettagli è possibile leggere la scheda di approfondimento cliccando QUI.

20 maggio

Bonus Piemonte
In arrivo le prime mail pec


È in corso in questi giorni l'invio delle mail pec ai beneficiari del Bonus Piemonte, il contributo a fondo perduto predisposto dalla Regione per sostenere le imprese colpite dal lockdown a causa dell'emergenza Coronavirus.
Si tratta in particolar modo di attività commerciali rientranti nei codici attività ATeco il cui elenco
si trova QUI.

Gli invii proseguiranno al ritmo di 5.000 al giorno, fino a raggiungere le 60.000 imprese del territorio che, ad oggi, vi possono accedere.
Immediata e semplice la procedura. Una volta trasmessi i dati il contributo verrà accreditato nell'arco di qualche giorno.


Per maggiori info Link: https://www.regione.piemonte.it/bonuspiemonte/
 

11 maggio

Voucher SPRINT, pubblicato il bando
Per sostenere le imprese negli investimenti informatici e digitali

Con il bando S.P.R.I.N.T. (Sostegno Progetti Ripartenza Imprese & Nuove Tecnologie) 2020 la Camera di commercio di Torino intende sostenere le MPMI del territorio nell’affrontare – tramite l’adozione di strumenti informatici e tecnologie digitali - la situazione di crisi causata dall’emergenza COVID-19, in particolare favorendo la continuità delle attività nel periodo di lockdown e la ripresa delle stesse nel periodo successivo.
 
Le agevolazioni saranno accordate sotto forma di voucher a fondo perduto, a copertura del 50% delle spese sostenute e ritenute ammissibili, con un importo massimo del voucher pari a Euro 3.000,00.
 
Le richieste di voucher devono essere trasmesse, a pena di esclusione, esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere –Servizi e-gov, presente sul sito
http://webtelemaco.infocamere.it, dalle ore 12.00 del 20/05/2020 alle ore 17.00 del 22/06/2020.
 

NB: Si informa che, per completare la registrazione al sistema Webtelemaco, la società InfoCamere S.c.p.a impiega fino a 2 giorni lavorativi

Per leggere il bando clicca QUI
Per leggere la scheda illustrativa clicca QUI


Clicca qui per le istruzioni per la registrazione al portale 
NB il documento fa riferimento ad un bando diverso da SPRINT ma la procedura di registrazione al portale è la stessa!

4 maggio

Al via Impresa SIcura, bando per aiutare gli acquisti di DPI

La procedura parte dall’11 maggio, rimborsi entro giugno

 

Al via Impresa SIcura, il nuovo bando attivato da Invitalia che ha l’obiettivo di sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese di qualunque dimensione, che operino in Italia.

 

Il bando consente di ottenere il rimborso delle spese sostenute dalle aziende per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale finalizzati al contenimento e il contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19.

 

Sono 50 milioni di euro le risorse disponibili (fondi Inail, art 43.1 DL Cura Italia del 17 marzo 2020).

 

Impresa SIcura rimborsa l’acquisto di:

  • mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;

  • guanti in lattice, in vinile e in nitrile;

  • dispositivi per protezione oculare;

  • indumenti di protezione quali tute e/o camici;

  • calzari e/o sovrascarpe;

  • cuffie e/o copricapi;

  • dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;

  • detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici.

 

L’importo massimo rimborsabile è pari a 500 euro per ciascun addetto dell’impresa richiedente e fino a 150mila euro per impresa.

 

Il bando di Invitalia prevede 3 fasi sintetizzate qui di seguito.

 

Prenotazione rimborso

Le imprese interessate dovranno inviare la prenotazione del rimborso dall’11 al 18 maggio 2020, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 18.00. attraverso uno sportello informatico dedicato, raggiungibile dal sito di Invitalia cliccando QUI

Pubblicazione nomi imprese ammesse alla domanda

Sempre sul sito dell’agenzia, seguirà la pubblicazione dell’elenco, in ordine cronologico di arrivo, delle imprese ammesse alla presentazione della domanda di rimborso.
 

Compilazione domanda

La domanda potrà essere compilata dalle ore 10.00 del 26 maggio alle ore 17.00 dell’11 giugno 2020 sempre attraverso procedura informatica.

 

I rimborsi verranno effettuati entro il mese di giugno.

 

Per maggiori informazioni clicca QUI

4 maggio

“Nuova Sabatini”, proroga di 6 mesi per la realizzazione degli investimenti

Attenzione al periodo di realizzazione delle operazioni agevolate che ricadono nella proroga

  

A seguito dell’emergenza Covid-19 il Ministero dello Sviluppo Economico ha stabilito una proroga di 6 mesi del termine di realizzazione degli investimenti e di quelli previsti per la trasmissione al Ministero della connessa documentazione - (dichiarazione di ultimazione investimento (DUI); richiesta unica di erogazione (RU) -, previsti dal Decreto interministeriale 25 gennaio 2016 “Beni strumentali” (Nuova Sabatini).

 

L’indicazione è contenuta nella Circolare direttoriale del 29 aprile 2020, n. 127757. La decisione segue le indicazioni di sospensione, prevista dal Cura Italia, dei termini dei procedimenti amministrativi.

 

La proroga è riconosciuta esclusivamente per le operazioni agevolate per le quali il periodo di 12 mesi (decorrente dalla data di stipula del contratto di finanziamento), per la realizzazione degli investimenti includa almeno un giorno compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 15 maggio 2020 (periodo di sospensione).

 

Con queste condizioni, la proroga di 6 mesi del termine per la realizzazione dell’investimento e la presentazione al Ministero della DUI e della RU è concessa d’ufficio, senza l’invio di una specifica richiesta al Ministero.

30 aprile

Nuova linea Covid-19: contributi per conformità DPI
 

Tra gli strumenti che la Regione Piemonte sta mettendo in campo a favore del sistema produttivo, per affrontare la crisi in atto determinata dall’emergenza COVID-19, è compreso l’avvio di una nuova linea "Emergenza COVID -19", all'interno del Bando VIR.

 

Lo strumento è orientato al rimborso totale delle spese sostenute per la sperimentazione e dichiarazione di conformità di dispositivi medici e di protezione individuale (DPI) e ogni altro componente a supporto delle esigenze emerse a seguito dell’emergenza sanitaria in corso.

 

La Misura, il cui sportello sarà attivato dal 4 maggio, prevede l'erogazione di un contributo a fondo perduto da 1.500 euro fino ad un massimo di 10.000 euro, a copertura del 100% dei costi sostenuti dalle PMI per:

  • l’acquisizione di una o più delle tipologie di servizi previsti dal Bando, resi da Infrastrutture di Ricerca pubbliche e private (IR);

  •  la dichiarazione di conformità di dispositivi medici, di protezione individuale (quali occhiali, visiere, mascherine, guanti, tute di protezione, etc.) e ogni altro componente a supporto delle esigenze emerse a seguito dell’emergenza sanitaria.

 

Tutte le informazioni e la modulistica aggiornata sono pubblicate sul nostro sito web, nella pagina dedicata alla Misura.

14 aprile

Covid-19, la Regione Piemonte proroga le scadenze dei bandi

La Regione Piemonte ha stabilito la proroga per un periodo di tre mesi dalla data della relativa scadenza  di numerose misure agevolative attualmente in corso e che sono di interesse per le imprese.

In particolare, sono state prorogate i bandi e disciplinari la cui scadenza sia compresa fra il 23 febbraio 2020 ed il 31 dicembre 2020 e nello specifico gli adempimenti a carico di soggetti beneficiari come per esempio: 
• termini per l’invio di documentazione da parte dei beneficiari (rendicontazioni, integrazioni documentali, controdeduzioni…);
• termini per la conclusione dei progetti/investimenti 

Per consultare l’elenco completo dei bandi prorogati, clicca QUI.

14 aprile

Decreto liquidità: via libera della Commissione Ue

Nuove regole per garanzie a imprese e professionisti

 

La Commissione Ue ha dato il suo benestare all’attivazione delle garanzie in favore di imprese e professionisti per l’erogazione di prestiti fino a 25mila euro.

 

Una nota del Mise spiega che è già disponibile on line sul sito “fondidigaranzia” il modulo per la richiesta di garanzia fino a 25mila euro, che il beneficiario dovrà compilare e inviare per mail (anche non certificata) alla banca o al confidi al quale si rivolgerà per richiedere il finanziamento. 

 

Allo stesso tempo Mise, MCC e ABI stanno lavorando per accelerare le istruttorie bancarie con l’obiettivo di ridurre a pochissimi giorni il tempo di attesa tra la richiesta di finanziamento e l’accredito delle somme richieste sul proprio conto corrente.

 
API Torino
Via Pianezza 123, 10151 Torino

direzione@apito.it

Tel. 011 4513.281

www.apito.it
 

C.F. 80088460011